Strumenti Utente

Strumenti Sito


db:swan

Swan

Non è del protagonista del film “I Guerrieri della Notte”, che voglio parlarvi, ma di un tenerissimo cigno. Ecco un'altra bella storia, che riguarda ancora una volta una creatura che osiamo definire “animale”, con quel senso spregiativo e di distacco che di solito attribuiamo a questo sostantivo, aggettivandolo…

Una sincera dimostrazione d'affetto e di gratitudine, sempre più frequente negli animali e sempre meno nell'uomo, non solo verso quest'ultimi, ma anche verso se stesso.

Un amore di cui s'è perso il significato più profondo, lungo la strada dell'egoismo e dell'incidente ignoranza, dell'alienazione e della paura, della meschinità e del qualunquismo, dell'arrendevolezza e della degenerazione più acuta, del conformismo vorace che fagocita sempre più individui.

Molti, che hanno una visione più ampia, potranno anche arrendersi di fronte a queste evidenze, ma la Natura no! È sempre lì, instancabilmente pronta a rammentarci, di continuo, il suo dolce sapore…

Ecco la storia, breve ma significativa, come tante altre.

Swan Durante una visita all'Abbotsbury Swannery, una delle colonie di cigni più grande del mondo, Richard Waise, conduttore del programma televisivo “ Born To Explore”, ha salvato un cigno che era rimasto ferito dopo che era finito contro una recinzione durante il volo.

La star televisiva ha raccontato che, dopo essersi avvicinato all'animale per poterlo trasportare in un luogo adatto alle cure, lo ha preso in braccio e, improvvisamente, il cigno ha avvolto il suo collo attorno a quello dell'uomo, come se lo volesse abbracciare e dirgli “mi fido di te”.

La sequenza dell'episodio, accaduto qualche anno fa, è stata fotografata e postata sulla pagina Facebook del programma.

09 aprile 2016
Piccole storie” di RM

db/swan.txt · Ultima modifica: 23/09/2020 11:19 da @Staff R.