Strumenti Utente

Strumenti Sito


db:sauvin_peter_paul

Sauvin Peter Paul

Peter Paul Sauvin, tecnico elettronico di Woodland Park 1) (ex West Patterson) nel New Jersey, è stato il primo a sondare i misteri della comunicazione delle piante dopo Backster. 2) La nostra assidua ricerca per reperire fonti biografiche non ha prodotto risultati soddisfacenti. Pare che il cognome “Sauvin” sia quello della madre e, pare altresì, che abbia avuto tre figli, due maschi e una femmina. 3) Per quanto si parli di lui, dei suoi esperimenti anche in pubblico e degli impieghi, tra i quali “Aerospace” e “International Telephone and Telegraph”, sembrerebbe un fantasma. Citato anche come “ministro del Tempio della Metafisica della Scienza Psichica” dal NY Times 4) non esiste nessun dato biografico. Nessuna fotografia.

Secondo altre fonti, pare abbia collaborato con il “National Institute for Rehabilitation Engineering” at St. Joseph's Hospital, Patterson, New Jersey; con il “National Organisation for Rare Disorders (NORD)” e con la “Building Healthy Inclusive Communities” (NCHPAD), ma anche qui non c'è traccia di Sauvin…

Ulteriori citazioni, oltre il NY Times, le abbiamo reperite in: New approach to a unified field theory; 5) sul L.E.A.; 6) su Phytodynamics and Plant Difference; su Times of India… e molti altri ancora. La sfuggente figura di Sauvin può essere anche causata dai suoi molti articoli scientifici pubblicati sotto diversi pseudonimi, 7) ma la maggior consistenza (almeno) sui suoi esperimenti, è descritta su “The Secret Life of Plants”, senza null'altro aggiungere in merito ai dati personali.

Oltre il pluricitato esperimento del treno, condotto davanti al pubblico di Madison (NJ) e in uno studio televisivo, laddove impiegò una pianta di philodendron come “interruttore” collegata ai suoi pensieri, «Sauvin era convinto che le piante, coscienti o no, avessero un campo d'energia simile a quello generato dall'uomo e che fosse possibile mettere in atto, in qualche modo, l'azione reciproca di tali campi. Il problema stava nel mette a punto un congegno abbastanza sensibile da sfruttare il fenomeno in maniera assolutamente attendibile».

Influenzato dai successi degli esperimenti russi sulla guida animale (gatti addestrati a pilotare missili aria-aria fino a raggiungere il bersaglio) pubblicati da un certo L. George Lawrence su “Popular Electronics”, speculò sulla possibilità di addestrare le piante per funzioni similari. «Dopo molto lavoro, ottenne uno strumento la cui sensibilità era cento volte maggiore di quanto potesse ottenere il galvanometro di Backster» e, con un oscilloscopio agganciato alle piante e un cronometro a scatto cominciò a «controllare l'effetto che aveva sulle piante dovunque gli capitasse di trovarsi, anche se lontano».

«Certi strani apparecchi di Sauvin acquistarono una propria fama», si può dire che sia stato il precursore della segreteria telefonica e dei multifunzionali radiocomandi per il controllo a distanza. «Sauvin mise a punto un sistema per cui uno, tornando a casa in una serata nevosa, si avvicinava al garage e segnalava al philodendron in casa di aprire la porta. La funzione della pianta di reagire soltanto al suo padrone costituiva un meraviglioso sistema antifurto».

«Al fine di sollecitare l'interesse di scienziati seri e l'apporto dei fondi necessari alla sistemazione di un laboratorio adatto, Sauvin ebbe la luminosa idea di dimostrare che un aeroplano poteva volare per mezzo del controllo del pensiero con l'aiuto delle piante collegate ai congegni sensitivi… con una minima modificazione al meccanismo della trasmittente, Sauvin fece volare un modello di aereo, regolandone la velocità, mediante trasmissione del pensiero a una pianta».

1)
Il 4 novembre 2008, i cittadini di West Paterson hanno votato per cambiare il nome ufficiale del borgo da West Patterson a Woodland Park. Il nuovo nome mantiene la sigla “WP” ed è un riferimento alle aree boschive della comunità
2)
P.Tompkins, C.Bird (1973) - “The Secret Life of Plants
3)
Società genealogica di Downriver: «Edith Sauvin viveva a White Plains, Westchester, New York. Edith morì il 25 agosto 1987. Edith ebbe un figlio di nome Pierre Paul Sauvin. Paul Sauvin ebbe 2 figli Alan Paul Sauvin e Steven Eric Sauvin. Aveva anche una figlia, Jane Elizabeth Sauvin»
4)
The New York Times” (12 dicembre 1973) “Libri dei tempi
5)
Presentato al 4th Annual International Symposium of the New Energy Society University of Utah, da David G. Yurth, Ph.D
6)
Leonardo Electronic Almanac (ottobre 2003) “What is a plant?” volume 11, n. 10
7)
The Secret Life of Plants” ed. it. pag. 32
db/sauvin_peter_paul.txt · Ultima modifica: 02/10/2020 11:40 da @Staff R.